Archivio per agosto 21, 2018

iran spy

Due iraniani – Mohammadi D. e Majid G. – sono stati arrestati negli Stati Uniti con l’accusa di spionaggio a favore del regime iraniano. I due, arrestati il 9 agosto scorso, sono stati fermati e accusati di aver sorvegliato due centri ebraici di Chicago e aver provato ad infiltrarsi nel gruppo di opposizione MeK (Mujahedin del Popolo).

Secondo le poche informazioni rilasciate alla stampa, uno dei due arrestati – Mohammadi D. – ha anche la cittadinanza americana ed e’ arrivato a Chicago nel luglio del 2017. Dal suo arrivo, ha iniziato a fotografare alcuni centri ebraici locali, in particolare il Centro Hillel e il centro Chabad Rohr House (entrambi vicini all’universita’ di Chicago). In seguito, Mohammadi D. si e’ recato in California, dove ha incontrato Majid G., cittadino iraniano residente negli Stati Uniti.

Majid D., per parte sua, ha preso parte all’evento organizzato dal MeK a New York nel settembre del 2017, dove ha scattato delle fotografie dei partecipanti. Fotografie passate in seguito proprio a Mohammadi D., in cambio di almeno 2000 dollari. Alcune delle foto sono state quindi ritrovate proprio nei bagagli di Majid G. Le fotografie avevano anche degli appunti scritti in basso.

Secondo l’accusa, Majid G. si sarebbe recato in Iran a marzo e aprile del 2018 e avrebbe informato alcuni rappresentanti del Governo iraniano su quanto aveva scoperto in merito alle attivita’ del MeK. Infine, dopo questi viaggi, Majid G. ha anche preso parte al meeting di Washington della Iran Freedom Convention for Human Right e – anche in questo caso – scattato foto dei partecipanti. Nuovamente, quindi, Majid G. ha passato le informazioni raccolte a Mohammadi D., discutendo con lui su come trasferirle in Iran.