Archivio per dicembre, 2017

protest iran

Le immagini che vi mostriamo in basso arrivano da Mashhad, una delle principali città iraniane e non necessitano di tanti commenti: da mesi ormai – nonostante il silenzio dei media italiani – avvertiamo i lettori che l’Iran bolle, fortunatamente non nel senso culinario del termine.

Da tempo, infatti, centinaia di iraniani sono scesi in piazza nelle principali città del Paese – Teheran in testa – per protestare contro il regime, soprattutto contro la corruzione elevatissima, il coinvolgimento dei Pasdaran nelle attività finanziarie e l’assenza di ogni minima regola di stato di diritto.

Ieri, quindi, si e’ raggiunto il culmine: migliaia di persone hanno affollato le strade di Mashhad, al grido “Morte a Rouhani”, “La Repubblica Islamica e’ stata uno sbaglio” e “No Gaza, No Libano, la nostra vita solo per l’Iran”. Secondo alcuni osservatori, nuovamente, si sono sentiti anche slogan in lode allo Shah. Proteste ci sono state anche in Arak, Urumiya e Arak.

Mentre tutto questo accadeva, il Governo italiano lavorava attivamente per superare le giuste ritrosie di Cassa Depositi e Prestiti, in merito agli investimenti in Iran. Peggio, mentre tutto questo accadeva, su proposta del Ministro Calenda l’esecutivo approvava un articolo della Legge di Bilancio (151, ex 32) che, senza vergogna, snaturava l’agenzia Invitalia, trasformandola in una specie di SACE pubblica, per assicurare – in prima istanza – gli investimenti italiani in “Paesi ad alto rischio”, leggasi Iran…un articolo ad hoc per gli interessi di pochi industriali italiani, consapevoli dei rischi di investimento in Iran e quindi disposti a rischiare…solo con i soldi del contribuente…

Per la cronaca, il regime ha riportato che “solo” 52 manifestanti sono stati fermati durante le proteste. La verità e’ che, purtroppo, il numero e’ ben più alto e si parla id almeno 100 fermati.

Come suddetto, l’Iran bolle e la popolazione ne ha piene le scatole ormai di un regime che – al di la’ delle promesse di uguaglianza in nome dell’Islam – ha solo diffuso corruzione, misoginia, fondamentalismo e speso i soldi principalmente per finanziare il terrorismo internazionale.

Concludendo, consigliamo vivamente agli imprenditori italiani di scappare dall’Iran. Soldi pubblici o meno, in quel Paese gli investitori troveranno principalmente gli interessi economici dei Pasdaran, pretoriani armati pronti ad usare le manette, tutte le volte che qualcuno non rispetta i loro codici…non scritti…

iran-nessuno-tocchi-caino-pena-morte-620x372

Difficilmente entriamo a gamba tesa su un tema prettamente di politica interna, soprattutto quando si tratta di personalita’ politiche italiane che prenderanno parte alla prossima tornata elettorale.

Ovviamente, quando riguarda i rapporti con l’Iran – e con i suoi proxy – non ci vergogniamo di prendere una posizione chiara e netta. Per questo, stamane, non possiamo che entrare a gamba tesa sulla questione dello scambio epistolare tra i “radicali” legati alla lista “Più Europa” di Emma Bonino e quelli legati al Partito Radicale Transazionale, di cui sono membri Rita Bernardini, Elisabetta Zamparutti, Maurizio Turco e Sergio d’Elia.

Per chi non avesse letto la storia, i boniniani hanno inviato a Rita Bernardini una email, proponendole di candidarsi con la loro lista “Più Europa”. L’offerta, come raramente accade oggi in politica, e’ stata rimandata al mittente dalla Bernardini che, nella sua email di risposta ha testualmente scritto: “le vostre strade sono confluite in un’unica strada contraria a quella percorsa da Marco Pannella…Avete il “vostro” partito, la “vostra” lista, il nome di Emma Bonino ceduto a Radicali Italiani come patrimonio da far fruttare nelle competizioni elettorali. Avete spazi televisivi a gò-gò, quelli per conquistare i quali (e non certo per se stesso) Pannella doveva giungere in punto di morte…”. In poche parole, la Bernardini non solo ha rifiutato l’offerta, ma ha anche ricordato ai boniniani che – ormai da tempo – non sono più parte della famiglia radicale.

Per quanto ci riguarda, non entriamo nella contesta sullo Statuto radicale, ma giudichiamo i boniniani per le loro azioni e prese di posizione sulla politica estera. Con Bonino alla Farnesina, l’Italia viro’ drammaticamente verso gli interessi iraniani, tanto che fu proprio la “cara Emma” ha dire – tutta velata da Teheran – “vogliamo vincere la gara di amicizia con l’Iran. Peggio: la Bonino, a dispetto dei comunicati, in realtà si dimostro’ anche molto morbida verso il regime di Bashar al Assad, proxy di Teheran.

Anche una volta terminato il suo incarico alla Farnesina, la Bonino ha attivamente continuato la sua attività di lobbying politica in favore del regime iraniano, firmando anche appelli pubblici in favore di Teheran. Una campagna di sostegno al regime clericale iraniano, mai affiancata da condanne pubbliche degli abusi di quello stesso regime, contro donne, attivisti, giornalisti, intellettuali, detenuti e minoranze etniche e religiose.

Per tutte le ragioni suddette, non possiamo che applaudire la coraggiosa scelta di Rita Bernardini e non possiamo che farlo ricordando Marco Pannella, l’uomo che non si piego’ mai per una poltrona, per quanto elegante potesse essere…

 

Screen-Shot-2017-12-19-at-12.34.13-PM

Con 80 voti a favore, 70 astenuti e 30 voti contrari, l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha approvato una nuova risoluzione A/C.3/72/L.41 di condanna all’Iran, per gli abusi che il regime commette relativamente al rispetto dei diritti umani.

La Risoluzione, sponsorizzata dal Canada, ha ottenuto anche il sostegno di molte diplomazie Occidentali tra cui, per fortuna, quella dell’Italia. Nella risoluzione, a dispetto delle costanti promesse del regime, l’Iran viene condannato per l’elevato numero di condanne a morte; le detenzioni arbitrarie; lo stato pessimo delle condizioni dei prigionieri, in particolare di quelli politici; la mancanza di libertà di espressione e la persecuzione di attivisti e intellettuali dissidenti; le discriminazioni di genere e quelle contro le minoranze etniche e religiose; la legalizzazione dei matrimoni tra minori (permessi sin dall’età di 9 anni per le bambine); il mancato rispetto dei trattati internazionali sui diritti umani e civili, firmati volontariamente dall’Iran e il diniego all’accesso nel Paese che il regime non concede all’inviata speciale per i diritti umani in Iran delle Nazioni Unite, Asma Jahangir.

Con questa nuova risoluzione, sono 64 in totale le Risoluzioni che le Nazioni Unite hanno preso contro l’Iran, per quanto concerne gli abusi dei diritti umani. Neanche a dirlo, il regime iraniano ha reagito con sdegno, rigettando ogni accusa di violazioni.

shiva amini pic

C’e’ un caso che, in questi giorni, sta scuotendo il mondo sportivo internazionale, legato direttamente all’abuso dei diritti umani in Iran.

Si tratta del caso della giocatrice iraniana Shiva Amini, fino a poco tempo fa parte della nazionale femminile della Repubblica Islamica, rifugiatasi un paio di mesi fa in Svizzera, per paura di essere arrestata a Teheran.

La paura della calciatrice iraniana e’ fondata: Shiva, infatti, si e’ “permessa” di giocare a calcio senza velo e con degli uomini, durante una vacanza in Europa, qualche mese addietro. Le immagini che circolarono all’epoca sui social, causarono la rabbia del regime iraniano, che immediatamente la caccio’ dalla nazionale.

Ora, a distanza di qualche mese, Shiva ha ufficialmente chiesto asilo politico in Svizzera, per paura di finire in carcere una volta tornata in Iran. In questi mesi, per costringerla a tornare a casa e fargliela pagare, il regime ha anche sottoposto a pressioni molto forti gli anziani genitori della calciatrice.

La questione di Shiva Amini riguarda anche l’Italia: le immagini che ritraggono Shiva giocare a calcio senza velo e in pantaloncini corti, sono infatti state riprese mentre la giovane sportiva si trovava in viaggio in nord Italia.

La lotta di Shiva per la libertà, e’ quindi una lotta che deve coinvolgere anche le autorità italiane. Tutelare il diritto di Shiva di non indossare il velo obbligatoriamente e di poter giocare a calcio con chi vuole, significa tutelare i sani principi dello sport e i diritti umani, principi a cui tutta l’Europa non può che richiamarsi, Italia in testa.

 

ahmadreza djalali family

“Mi chiamo Ahmadreza Djalali e dal 1997 ho lavorato in Iran nella gestione delle crisi naturali, come ricercatore, docente e pianificatore”. Comincia cosi la lettera scritta dal ricercatore iraniano Ahmadreza Djalali dal carcere di Evin, dove e’ detenuto dall’aprile del 2016, e pubblicata lo scorso ottobre dell’ONG Iran Human Rights.

In questa lettera, Ahmadreza Djalali ricorda gli anni di lavoro in Iran in questo settore ricevendo, sin dal 2012, la proposta di entrare a far parte di università legate ai Pasdaran iraniani. Proposte che Ahmadreza ha rigettato, scegliendo prima di emigrare in Svezia e poi in Italia per continuare la sua carriera accademica.

Nel periodo tra il 2012 e il 2016, anno dell’arresto, Ahmadreza ha continuato liberamente a viaggiare in Iran, venendo invitato per numerose conferenze accademiche, anche nella gestione delle crisi derivate da attentati terroristici. In questi anni, per ben due volte nel 2014 e nel 2015, Ahmadreza Djalali e’ stato avvicinato da agenti del servizio segreto, che gli anno proposto di diventare una spia, per informare l’intelligence iraniana in merito alle attività scientifiche dei Paesi europei che aveva modo di visitare.

Ad entrambe le proposte, Ahmadreza ha detto no, ricevendo come risposta assicurazioni in merito al fatto che – il suo rifiuto – non gli avrebbe provocato una ritorsione da parte del regime. Niente di piu’ falso: Ahmadreza, come noto, e’ stato arrestato nell’aprile del 2016, tenuto in isolamento, accusato di essere una spia (prima del Mossad, poi di un qualche Paese europeo, ancora non determinato), costretto a confessare un reato mai commesso e condannato a morte. Una sentenza che e’ stata da poco confermata dalla corte d’appello iraniana.

Ieri, dunque, la TV iraniana ha mandato in onda un lungo programma TV, in cui – nuovamente – ha costretto Ahmadreza Djalali a confessare le sue colpe, questa volta davanti alle telecamere (video). Purtroppo, per diverso tempo, media italiani di primo piano quali Ansa e Corriere, hanno riportato la notizia della confessione di Djalali, senza dire una parola sulle torture da lui subite per costringerlo a denunciarsi. Una vergogna assoluta, che li ha poi costretti a rettificare.

Noi, piuttosto che pubblicare in basso il video della confessione forzata di Djalali, preferiamo pubblicarvi quello di Vida Mehrannia , moglie di Ahmadreza, diffuso da Amnesty International qualche giorno fa. Le sue parole toccano il cuore.

 

iran public execution

Secondo quanto riporta l’agenzia iraniana Jam News, mercoledì 13 dicembre, due detenuti iraniani sono stati impiccati in pubblico, nella città di Isfahan. I due erano stati arrestati nel 2016, accusati di omicidio e condannati a morte. Uno dei due detenuti impiccati si chiamava Abdolmajid Hassanzehi, mentre del secondo e’ ignota l’identità.

Adolmajid Hassanzehi, sempre secondo quanto le stesse fonti iraniane dicono, e’ stato arrestato nel corso di un’azione delle forze di sicurezza contro il narcotraffico. Durante lo scontro, ci fu una sparatoria e un ufficiale iraniano ucciso. Adolmajid Hassanzehi, pero’, non era armato e non fu lui a colpire l’agente. Nonostante tutto, la Corte scelse di condannarlo a morte lo stesso.

Secondo quanto riporta Iran Human Rights, nel report annuale, 33 detenuti iraniani sono stati impiccati in pubblico lo scorso anno, di fronte a centinaia di persone, tra cui numerosi bambini.

Ennesima dimostrazione della barbarie del regime iraniano!

 

mogherini iran

Ricevendo il Premier israeliano a Bruxelles, l’Alto Rappresentante per la Politica Estera dell’UE, ha evidenziato come la posizione dell’Unione Europea sul conflitto israelo-palestinese non e’ cambiata e che le ambasciate europee non si sposteranno da Tel Aviv alla Citta’ Santa.

Nella stessa conferenza stampa, annunciando un suo prossimo viaggio in Libano, la Mogherini aveva elogiato il ritorno del Premier Hariri a Beirut, il ritiro delle sue dimissioni da Primo Ministro e il sostegno dell’UE alla stabilita’ del Paese dei cedri.

Parole belle da sentire, ma vuote nei fatti: se davvero alla Mogherini e all’UE interessa la pace tra gli israeliani e i palestinesi, la stabilita’ di Gerusalemme e soprattutto quella del Libano, il problema principale non si chiama Donald Trump, ma Hassan Nasrallah, ovvero il Segretario di Hezbollah. 

Se il Libano e’ sull’orlo del collasso, infatti, e’ perché e’ un Paese con un Governo totalmente non in grado di controllare il proprio territorio. Questo perché, da anni ormai, e’ ostaggio di una organizzazione islamista e terrorista sciita, creata dal regime iraniano negli anni ’80 e che solo a Teheran da sempre risponde. E’ stato cosi con gli attentati organizzati in Libano in quegli anni, con la guerra del 2006 contro Israele e soprattutto con l’ingresso di Hezbollah nel conflitto siriano. E’ stato cosi quando, appena qualche giorno fa, un comandante di Hezbollah ha accompagnato il leader della milizia  sciita irachena Asaib Ahl al-Haq, lo sceicco Amin Qais al-Khazali, a visitare il confine tra Libano e Israele.

Come suddetto, se davvero la Mogherini ci tiene alla stabilita’ del Libano e a prevenire un nuovo conflitto regionale, ciò che Mrs Pesc deve pretendere quanto ribadito nella  risoluzione ONU 1701, ovvero quella che pretende il disarmo di tutte  le fazioni armate libanesi, a cominciare da Hezbollah.

Purtroppo, cosi come la Mogherini e’ capace di alzare la voce contro la nuova amministrazione americana, contro il governo israeliano e contro le mosse saudite, lo e’ assai meno – anzi non lo e’ per niente – a farsi valere contro le politiche aggressive e pericolose del regime iraniano. Ovvero, contro la prima causa delle crisi che oggi infiammano il Medioriente…