Archivio per Maggio, 2017

aaaaaaa

Da domani le donne iraniane inizieranno una nuova forma di protesta contro il velo obbligatorio, i cosiddetti #WhiteWednesdays, i Mercoledì Bianchi. Donne contrarie al velo obbligatorio, ma anche uomini contrario alla costrizione del velo contro le donne, indosseranno ogni mercoledì un velo bianco – o un accessorio bianco – come simbolo della loro protesta pacifica. 

In questi anni, anche grazie al sostegno dei social – in particolare della pagina Facebook “My Stealthy Freedom” (La mia libertà rubata) – le donne iraniane hanno fatto conoscere al mondo la loro resistenza contro le leggi islamiste imposte dal regime khomeinista. Su tutte, ovviamente, l’imposizione dell’hijab, ovvero il velo obbligatorio e gli abusi della Gasht-e-Ershad, la polizia morale.

Contro queste imposizioni, le donne iraniane hanno sviluppato diversi metodi di protesta pacifica. Dalla scelta di indossare veli colorati a quella di lasciare una ciocca di capelli scendere davanti alla loro fronte. Non solo: in diversi casi le donne iraniane si sono rasate a zero, riuscendo cosi ad evitare l’obbligo di indossare il velo.

f-iranveil-a-20160802-870x577

Fortunatamente, le donne iraniane hanno trovato una forte solidarietà anche da parte degli uomini. Un fatto non scontato, considerando il fatto che si tratta – in ogni caso – di società profondamente incentrate sulla figura maschile. I ragazzi iraniani sono scesi in piazza accanto alle ragazze non solo per protestare contro gli attacchi con l’acido – compiuti da uomini di Hezbollah contro le donne malvelate – ma si sono anche fatti fotografare con il velo e hanno postato le loro foto sui social (come mostra la foto in alto). 

Domani, quindi, le donne iraniane lanceranno il primo Mercoledì Bianco. L’ennesima protesta non violenta che, ci auguriamo, venga sostenuta e abbracciata anche da donne come la Mogherini, la Boldrini, la Serracchiani e la Bonino. Donne che si sono sempre riempite la bocca sulla parità di genere, ma non si sono mai fatte problemi a recarsi a Teheran velatissime e mostrare la loro reverenza agli Ayatollah.

Writer iraniana protesta contro il velo obbligatorio

ragazza iran

Ieri il mondo del calcio italiano si e’ praticamente fermato, per ammirare l’addio di un grandissimo campione: Francesco Totti. All’Olimpico, migliaia di donne, uomini e bambini, si sono riuniti per salutare, piangendo, il loro capitano.

Purtroppo, in alcune parti del mondo, ciò che a Roma e’ sembrato normale, ovvero vedere delle donne allo stadio, e’ considerato “haram, proibito. Parliamo – tra gli altri – della Repubblica Islamica dell’Iran, ove alle ragazze e’ legalmente vietato l’accesso agli stadi, onde non provocare la libido sessuale maschile.

Nonostante il divieto, numerose ragazze sfidano costantemente la polizia religiosa, raccogliendo i capelli – talvolta tagliandoli proprio – indossando abiti maschili e provando a superare gli ostacoli dei controlli di sicurezza. Jafar Panahi, regista iraniano oggi costretto agli arresti domiciliari perché sgradito al regime – ha raccontato egregiamente questa storia nel suo film “Offside” (video in basso).

L’ennesima sfida al regime e’ arrivata appena qualche giorno fa, quando una ragazza si e’ vestita da uomo ed e’ riuscita ad eludere i controlli, entrando allo stadio Azadi di Teheran, in occasione della partita tra l’Esteghlal e l’Al-Ahli, squadra degli Emirati Arabi Uniti. Purtroppo la ragazza e’ stata scoperta dalla polizia religiosa e arrestata immediatamente (foto in alto).

Nonostante le richieste internazionali, tra cui quella dell’ex Presidente della FIFA Blatter, il regime iraniano ha posto ogni tipo di veto all’idea di eliminare il bando delle donne dagli stadi. Non solo: appena qualche mese fa, il regime ha ampliato le norme restrittive, proibendo alle donne di pedalare in pubblico.

E’ tempo che il mondo dello sport prenda delle scelte drastiche, sospendendo l’Iran da organizzazioni quali la FIFA e la FIVB e riammettendolo unicamente quando le donne iraniane avranno gli stessi diritti degli uomini. Ogni altra reazione, anche la stessa condanna verbale, sarebbe unicamente l’ennesima carta morta, buona solamente per lavarsi la coscienza.

Guarda il film completo “Offiside” di Jafar Panahi