L’AIEA denuncia: “L’Iran ha violato ancora l’accordo nucleare”. Ma a chi interessa?

Pubblicato: novembre 18, 2016 in Iran, Iran Nucleare, Iran Occidente, Iran Onu, Iran Regime, Iran Rouhani
Tag:, , , , , ,

Il 9 Novembre scorso, l’AIEA, ha rilasciato il nuovo report relativo al programma nucleare iraniano. Nel report, è scritto nero su bianco, l’agenzia ONU ha riportato come Teheran non abbia rispettato quanto previsto dall’accordo firmato con il P5+1, nel luglio del 2015. In particolare, il regime iraniano ha ecceduto il numero di tonnellate metriche di acqua pesante, presso il reattore di Arak (una violanzione di 0,10 tonnellate metriche). Secondo l’accordo nucleare, va ricordato, l’Iran si è impegnato addirittura a smantellare il reattore nucleare di Arak, ridisegnandone la struttura, al fine di garantire che non venga usato per produrre una bomba al plutonio. Purtroppo, sempre in violazione dell’accordo, l’Iran non ha smantellato il nucleo del rettore – come promesso – ma ha anche superato il limite di tonnellate metriche di acqua pesante prodotta per il reattore stesso.

Non solo: in nessuna parte del report AIEA, viene scritto chiaro e tondo che la Repubblica Islamica ha dato accesso agli ispettori ai siti militari ove, come noto da anni, i Pasdaran hanno realizzato test relativi all’esplosione di un ordigno atomico (in primis la base di Parchin).

Ancora: anche se il report AIEA scrive che l’Iran non ha ecceduto la percentuale di uranio a basso arricchimento in suo possesso, il prestigioso think tank americano ISIS, ha appreso che Teheran in realtà ha prodotto oltre 300 kg di uranio arricchito al 3,67%. In particolare, nel settembre del 2016, il rappresentante permanente russo a Vienna, Vladimir Voronkov, ha chiaramente detto che è molto difficile calcolare la quantità di uranio arricchito al 3%, attualmente posseduto dall’Iran e prodotto in condutture e altri dispositivi (riportato anche dalla TASS).

Infine, l’ISIS ha anche denunciato come il regime iraniano ha iniziato a caricare uranio all’interno delle centrifughe avanzate IR-6, per la precisione in 10 di queste centrifughe installate a cascata. Secondo l’Iran Deal, Teheran si è impegnato a non arricchire uranio – oltre il 3,67% – all’interno di centrifughe diverse dal modello IR-1. Nonostante la denuncia del think tank Isis, il recente report AIEA ha fallito nel dare assicurazioni in merito a questa violazione.

Purtroppo, come ampiamente previsto, nessun membro del P5+1 e della Comunità Internazionale, ha denunciato le violazioni iraniane, preferendo tacere per mere ragioni di interesse politico ed economico. Vi riportiamo qui, ancora una volta, il video in cui Rouhani – durante la campagna elettorale del 2013 – ammette candidamente di aver ingannato l’Occidente quando – da negoziatore nucleare l’Accordo di Teheran nel 2003 – promettendo di sospendere l’arricchimento dell’uranio. Come vedrete, Rouhani ammette di aver firmato quell patto, solamente per completare il programma nucleare iraniano, senza il rischio di subire pressioni da parte della Comunità Internazionale.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...