Iran: negate le cure mediche alla giornalista Afarin Chitsaz, prigioniera politica detenuta ad Evin

Pubblicato: ottobre 10, 2016 in Iran, Iran Diritti Umani, Iran dissidenti, Iran Donne, Iran Giornalisti, Iran Pasdaran, Iran Prigionieri Politici, Iran Regime
Tag:, , , , , , , , ,

n_chitsaz_released_pending_appealjpg__930x510_q85_box-042600353_crop_subsampling-2_upscale_jpg__580x300_q85_box-018930491_crop_detail_subsampling-2

Il regime iraniano sta ancora una volta abusando dei diritti dei detenuti, particolarmente dei detenuti politici. In questo caso a farne le spese è Afarin Chitsaz, giornalista del quotidiano “Iran”, arrestata il 2 novembre del 2015 dai Pasdaran, con l’accusa di mettere a repentaglio la sicurezza nazionale.

Secondo quanto dichiarato dagli stessi medici, Afarin Chitsaz necessita urgentemente di una operazione al suo ginocchio sinistro. L’avvocato Mohammad Moghimi, parlando della sua assistita, ha denunciato come Afarin sia già stata operata al ginocchio destro e ora necessità urgentemente della stessa operazione a quello sinistro. Sinora, il regime ha negate l’autorizzazione al trasferimento presso una struttura ospedaliera esterna. Risultato: Afarin è ancora rinchiusa ad Evin e la lacerazione al ginocchio le sta causando enormi dolori. Addirittura, denuncia l’avvocato Moghimi, Afarin non riuscirebbe nemmeno a camminare per dirigersi nella sala adibita alle visite del carcere. Per questa ragione, i famigliari di Afarin non hanno avuto modo di vederla nelle ultime tre settimane (Iran Human Rights).

Afarin Chitsaz è stata condannata a 10 anni di detenuzione, accusata anche di aver collaborato con “stati nemici”. A riprova della inconsistenza di queste accuse, c’è la decisione della Corte d’Appello iraniana, che ha deciso di ridurre a due anni la condanna e di impedire per altri due anni ad Afarin di svolgere il suo lavoro di giornalista. Il 2 Novembre del 2015, insieme ad Afarin, i Pasdaran arrestarono altri tre giornalisti: Issa Saharkhiz, Ehsan Mazandarani e Ehsan Safarzaei. Tutti ovviamente riformisti.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...