???? ?? ????? ????? ???? ????? ???? ???????? ????

Un vero e proprio quartier generale, da dove il regime iraniano praticamente comanda le azioni militari in difesa del dittatore siriano Bashar al Assad. Secondo quanto pubblicato in un articolo esclusivo del Daily Mail, questo quartier generale – definito “la Serra”, in farsi Maqar-e Shishe’i – si trova a Damasco, non lontano dall’aeroporto internazionale. Composto da cinque piani, il quartier generale iraniano permette anche ai Pasdaran di coordinare le loro attività militari con quelle dei russi, soprattutto per quanto concerne lo scambio di materiale di intelligence e le attività delle milizie paramilitari (si veda l’immagine sottostante). La fonte di questa informazione esclusiva, sempre secondo quanto riporta il quotidiano inglese, sarebbe direttamente un agente dei Pasdaran che, segretamente, avrebbe passato le informazioni ai membri della resistenza anti-regime legata ai Mujahedeen del Popolo (Daily Mail).

Sempre secondo i dati pubblicati dal Daily Mail, sarebbero almeno 16000 i membri delle milizie paramilitari sciite comandate direttamente da Teheran, in particolare dalla Forza Qods del Generale Qassem Soleimani, unità speciale dei Pasdaran espressamente dedita ad esportare la rivoluzione khomeinista fuori dalla Repubblica Islamica. Questo numero è quello fornito da fonti Occidentali. Le fonti interne dei dissidenti anti-Teheran, parlano però di almeno 60000 paramilitari sciiti impegnati in Siria, a cui vanno aggiunti 10000 terroristi di Hezbollah. Forze di jihadisti pro-Pasdaran, provenienti da Paesi quali l’Iraq, il Pakistan, i Terrritori palestinesi e l’Afghanistan.

La “Serra” dell’Iran a Damasco è composto da almeno 180 stanze e, proprio nelle vicinanze, ha una pista di atterraggio (ribattezzata dall’opposizione “Muhammed Ali”), che permette ai Pasdaran di ricevere rifornimenti di beni alimentari, materiali, armamenti e truppe fresche. Sempre secondo quanto riporta il Daily Mail, sinora l’Iran avrebbe speso almeno 100 miliardi di dollari per sostenere il regime di Bashar al Assad, soldi ovviamente rubati dalle case del popolo iraniano che langue nella disoccupazione. Soldi ottenuti, tra le altre cose, anche dalla fine delle sanzioni internazionali contro Teheran relative al programma nucleare clandestino.

Nel piano meno uno del palazzo, è stato creato un ufficio sotto la direzione del Pasdaran Razi Mousavi, ex comandante della Forza Qods in Siria, il cui compito è quello di pagare mensilmente i salari dei jihadisti sciiti al servizio di Assad. Il capo attuale delle operazioni militari iraniane in Siria si chiama Jafaar Assadi: Assadi ha diviso la Siria in cinque diversi fronti (Nord, Est, Sud, Comando Centrale, Costa). Per ogni fronte è stata costruita una base militare dei Pasdaran, capaci di ospitare almeno 6000 miliziani con armamenti pesanti. Per quanto concerne il numero di iraniani direttamente coinvolti nel conflitto, dallo scorso anno questo numero sarebbe cresciuto da 5000 Pasdaran a 16000.

Nonostante questo schiramento di forze, il regime iraniano non è riuscito a mantenere in piedi Assad da solo. Per questo, nel luglio dello scorso anno, il Generale Qassem Soleimani – in violazione delle sanzioni a suo carico – è volato a Mosca per chiedere il sostegno di Putin (la Russia è poi intervenuta nel conflitto). Secondo il Daily Mail, questo sostegno sarebbe costato a Teheran il pagamento di almeno 3 miliardi di dollari, sui 10 miliardi previsti per il costo dell’intervento russo in Siria.

Come dimostrato, lo schiramento di forze regolari e irregolari in Siria, può essere definita come una vera e propria forza di occupazione.

photo 1

photo 2

photo 3

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...