images

La prigioniera politica Maryam Naghash Zargaran, arrestata per aver deciso di abbracciare il cristianesimo, sta male. Maryam soffre di forti dolori all’orecchio e di costanti vertigini.

Maryam, condannata a 4 anni di detenzione, si trova oggi presso il carcere di Evin. I medici del carcere hanno detto a Maryam che i suoi problemi di salute potranno essere risolti solamente per mezzo di una operazione. Purtroppo, il regime  ha negato alla prigioniera politica il rilascio per motivi di salute, al fine di essere ricoverata esternamente (Freedom Messenger).

Vogliamo ricordare che Maryam Naghash Zargaran e’ perseguitata dal regime sin dal 2011, quando ha deciso di abbandonare l’Islam. Il suo caso e’ direttamente legato a quello del Pastore iraniano-americano Saed Abedini, anche lui sino a poco tempo fa rinchiuso nelle carceri del regime.

In particolare, Teheran accusa Maryam di “apostasia” e di rappresentare una “minaccia contro la sicurezza nazionale”. Maryam era stata brevemente rilasciata nel 2015 sempre per motivi di salute, ma le forze di sicurezza l’avevano presto ricondotta nuovamente ad Evin, nonostante i trattamenti medici fossero ancora in corso.

Nella assurda sentenza di condanna verso Maryam Naghash Zargaran sta scritto: “La Corre considera gli atti commessi dalla prigioniera come parte dei piani dell’Inghilterra e la Palestina Occupata (ovvero Israele), per diffondere la cristianità’ in Iran, al fine di pervertire la società iraniana e allontanarla dall’Islam (Mohabat News).

Cose da Isis

Maryam saluta i genitori prima di tornare in carcere (Ottobre 2015)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...