Cristiano-prisionero-Iran

Otto cristiani arrestati per motivi religiosi presso Karaj. E’ questa l’ultima drammatica notizia che arriva dalla Repubblica Islamica, ove l’abuso dei diritti umani continua quotidianamente. Un abuso permesso soprattutto dal silenzio di un Occidente, ormai totalmente indifferente alle sorti della popolazione iraniana. Secondo quanto riportato dall’agenzia HRANA, le forze di sicurezza del regime sono intervenute presso Karaj all’inizio di Agosto, arrestando sette iraniani che avevano deciso di abbandonare l’Islam per abbracciare il Cristianesimo. Di seguito i nomi di cinque dei sette fermati: Hayedeh Shadnia, Shahin Bashiri, Mona Chahardoli, Ismail Falahati, Nematullah Yousefi e un uomo di nome Razmik (HRANA).

I sette fermati, sono stati tutti arrestati mentre pregavano. Le forze di sicurezza sono intervenute improvvisamente, picchiando i presenti e sequestrando libri di preghiera e altro materiale sacro. Nel raid, secondo quanto denuncia la HRANA, sarebbero state sequestrate anche antenne satellitari, la sola fonte in mano agli iraniani per poter accedere ad una informazione diversa da quella promossa dal regime. In seguito all’arresto, tre dei fermati sono stati rilasciati su cauzione, mentre non si ha alcuna notizia degli altri prigionieri.

abedini2-400w

Purtroppo le notizie in merito agli abusi contro i cristiani in Iran non sono finite qui: il Pastore Saeed Abedini, condannato ad otto anni di carcere per la sua attività religiosa, e’ stato malmenato dalla guardia carceraria del carcere di Rajai Shahr, durante una ispezione. La denuncia degli abusi contro il Pastore Abedini e’ stata data dall’American Center for Law and Justice (Christian Today). Non e’ la prima volta che il Pastore Abedini viene percosso: già nel 2014, il Pastore era stato ricoverato in ospedale, dove era stato prima malmenato e poi riportato in prigione (HRANA). Ad oggi, nonostante tutte le richieste di grazia ricevute, non sembra che il regime iraniano abbia alcuna intenzione di liberare Saeed Abedini (UANI).

Vogliamo ricordare che, non solo i cristiani, sono soggetti a persecuzioni religiose in Iran. In questi mesi, in particolare, la recrudescenza del regime contro la minoranza Baha’i e’ drammaticamente aumentata. Solamente qualche giorno fa, con l’inganno, una ragazza Baha’i e’ stata espulsa dal una Università privata (No Pasdaran).

Il Pastore Abedini si racconta poco prima del suo nuovo arresto

[youtube:https://youtu.be/GnR_tJN0ywc%5D

 

commenti
  1. […] (Rapport). Et il y a seulement quelques jours huit autres chrétiens ont été arrêtés à Karaj (voir […]

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...