imrs

Affermare che in Iran in questo momento c’e’ un caso giudiziario di prima importanza, e’ una frase senza senso. Purtroppo, nella Repubblica Islamica attualmente ci sono diversi processi aperti assai rilevanti, che mostrano la faccia peggiore del regime. C’e’ un processo, su tutti gli altri, che maggiormente spicca e che deve rappresentare un monito per tutto l’Occidente. Non solo perché si fonda su accuse deboli e mai provate, ma anche perché dimostra come la legge – se cosi possiamo chiamarla – funziona in Iran e come sia capace di colpire cittadini con passaporti stranieri, quando le ragioni politiche lo richiedono.

Il caso in questione e’ quello di Jason Rezaian, corrispondente del Washington Post in Iran, in possesso del passaporto americano e di quello iraniano. Jason Rezaian e’ stato arrestato nel luglio del 2014 insieme alla moglie, Yeganeh Salehi, anche lei giornalista e corrispondente del giornale The National (quotidiano degli Emirati Arabi Uniti). La Signora Salehi, per sua fortuna, e’ stata rilasciata nell’ottobre del 2014, mentre il povero Jason e’ rimasto in prigione. Il corrispondente del Washington Post e’ rimasto in galera con l’accusa di “spionaggio”, una accusa che il giudice Salavati ha ricavato – a quanto dicono le indiscrezioni – da una lettera inviata da Rezaian ad Obama (tramite il consolato americano di Dubai) e dalle relazioni del giornalista con alcuni colleghi (come Lara Setrakian di ABC). Prove praticamente inesistenti, soprattutto se si considera che una spia che non intende farsi scoprire non manda lettere direttamente alla Casa Bianca e che le relazioni tra giornalisti sono praticamente la regola (No Pasdaran). Il giudice Salavati, per la cronaca, lavora direttamente con i Pasdaran e il Ministero dell’Intelligence.

Come suddetto, il processo Rezaian deve essere un monito per tutti gli Occidentali che intendono correre in Iran ed investire nella Repubblica Islamica. Questo caso, infatti, dimostra pienamente come lavora il sistema giudiziario iraniano: nonostante le regole scritte, infatti, Rezaian, e’ stato arrestato un anno fa e tenuto per mesi in galera senza un processo, senza il diritto ad un avvocato difensore e senza delle accuse formali. Per lui il processo e’ cominciato solamente nel maggio del 2015, senza alcuna possibilità concreta per l’imputato di confutare le accuse (Iran Human Rights). L’ultima sessione del processo – svoltasi il 10 agosto scorso – e’ stata l’ennesimo esempio della brutalità del regime clericale: all’avvocato difensore di Rezaian non e’ stato consentito svolgere la sua arringa difensiva in forma orale (ha potuto solamente consegnare un documento scritto alla corte). Non solo: anche la moglie di Rezaian e’ stata “caldamente invitata” a non parlare con i colleghi giornalisti (in pratica una minaccia bella e buona).

Sebbene oggi l’Iran venga rappresentato dai media come il nuovo eldorado, si tratta di mera propaganda. Questo eldorado ha un livello di corruzione altissimo (l’Iran e’ al 136º posto su 175 Paesi), un livello di censura tra i primi al mondo (al 7º posto per precisione) e soprattutto, come il caso Rezaian dimostra, può trasformarsi da un giorno all’altro in una vera e propria prigione. Si tratta di un rischio che, attualmente, le diplomazie Occidentali non stanno evidenziando volontariamente, interessate come sono ad isolare la Russia sfruttando le risorse iraniane. E’ un rischio, pero’, che ogni impresa e ogni singolo cittadino Occidentale deveno considerare quando decide di investire nella Repubblica Islamica. Il prezzo dell’indifferenza – soprattutto considerando la volatilità politica dell’Iran – può avere un costo assai elevato. Il processo contro Rezaian si dovrebbe concludere la prossima settimana. Indipendentemente dal verdetto finale, la sua detenzione illegale e la privazione dei diritti fondamentali, devono essere condannati senza alcun appello ed esitazione.

[youtube:https://youtu.be/jVlj9UpfRNg%5D
commenti
  1. fausto scrive:

    “…il processo Rezaian deve essere un monito per tutti gli Occidentali che intendono correre in Iran ed investire nella Repubblica Islamica…”

    Ci sarebbero motivazioni altrettanto stringenti per evitare affari con soggetti come i Saud; per esempio, stanno bombardando a morte gli yemeniti. Attenzione poi alle beffarde capriole della Storia, gli americani stanno cercando nuovi partner nell’area mediorientale. Gli ultrà nostrani rischiano di dover rivedere velocemente le proprie affiliazioni su ordine nientemeno che di Washington.

    Mi piace

  2. No Pasdaran scrive:

    Caro Fausto, ben venga anche la fine degli affari con i Saud. Un mercato da anni aperto per gli Occidentali, su cui tanto ci sarebbe da scrivere. Questo sito si occupa di regime iraniano e sullo Yemen poi ci sarebbe da dire cosa sarebbe potuto non succedere, se il regime iraniano non avesse cominciato da anni a rifornire gli Houthi di armi e uomini. Le ricordo che prima della guerra in quell’area si era trovato un accordo di pacificazione, poi saltato dal colpo di stato degli Houthi. Un saluto

    Mi piace

  3. No Pasdaran scrive:

    In merito agli americani e alle capriole della storia, a noi poco interessa. Per noi il focus rimane la fine del regime iraniano, che questo sia pro o contro gli Usa.

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: