L’Iran mantiene una serie di milizie combattenti in Iraq e Siria. Ovviamente, si tratta di una notizia notissima, come altrettanto noto e’ il fatto che molti di questi jihadisti sciiti provengono dal Pakistan e dall’Afghanistan. I media hanno già svelato che Teheran offre loro una paga, la carta verde per restare nella Repubblica Islamica e che, lo stesso Parlamento iraniano, sta discutendo una legge che permetterà ai jihadisti reduci di ottenere la cittadinanza iraniana, previa autorizzazione delle Guardie Rivoluzionarie. Meno note sono le modalità in cui i Pasdaran trasferiscono i jihadisti sciiti in Iraq e Siria. 

Alcune informazioni in merito sono state rese note in un rapporto presentato direttamente al Parlamento afghano. Secondo Kabul, infatti, i Pasdaran avrebbero preso in affitto un vettore civile della linea aerea afghana “Ariana”: in teoria, l’accordo sottoscritto tra Ariana e la compagnia aerea iraniana Mahan, prevede l’uso dei mezzi afghani unicamente per trasferimenti di civili, ma chiaramente le Guardie Rivoluzionarie non rispettano alcun patto. L’aereo civile, quindi, viene caricato di jihadisti sciiti devoti a Khamenei (o ai soldi che i paggetti della Guida Suprema sborsano) e inviato direttamente a Baghdad (ma anche a Najaf e Mashhad in Iran) e Damasco. 

Va precisato che la denuncia non arriva da un membro qualsiasi del Parlamento afghano. Al contrario, a svelare questa storia e’ stato il deputato Qais Hassan, Presidente della Commissione Parlamentare dei Trasporti e delle Telecomunicazioni del Parlamento di Kabul. In una conferenza stampa, Hassan Qais ha rivelato i dettagli dell’accordo firmato tra il direttore di Ariana Airlines  Nasir Ahmad Hakimi – oggi scappato negli Stati Uniti e accusato di corruzione da Kabul – e la Mahan Air: in cambio di 10.000 dollari per volo, la Ariana ha affittato un aereo alla controparte iraniana. Durante ogni volo, quindi, i Pasdaran fanno salire a bordo uomini mascherati, mischiati ai normali passeggeri. Di queste persone, l’equipaggio afghano non e’ autorizzato ad avere alcuna informazione. Alla conferenza stampa era presente anche il Ministro dei Trasporti afghano Mohammadullah Batash e il nuovo direttore amministrativo di Ariana  Omaid Mastoor.  Secondo Hassan, quindi, i piloti afghani sarebbero anche disposti a testimoniare su tutta la faccenda, rivelando il malaffare promosso dal regime iraniano.

La Repubblica Islamica impiega, ad oggi, almeno 3000 jihadisti sciiti provenienti dall’Afghanistan (di etnia Hazara). Miliziani a cui il regime iraniano garantisce uno stipendio mensile che varia dal 500 ai 700 dollari. Grazie al sanction lifting deciso dall’accordo nucleare del 14 luglio, Teheran otterra’ presto altri fondi per finanziare il terrorismo internazionale. Tra le altre cose, la stessa Mahan Air – compagnia aerea da sempre controllata dai Pasdaran – verrà presto tolta dalla lista delle sanzioni internazionali.

[youtube:https://youtu.be/_8VhBvVtrSg%5D

 

commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...