Primo Maggio: Appello urgente a CGIL, CISL e UIL per la liberazione di sei sindacalisti arrestati in Iran

Pubblicato: aprile 30, 2015 in Iran, Iran Diritti Umani, Iran dissidenti, Iran economia, Iran Intelligence, Iran Italia, Iran notizie, Iran Proteste, Iran Regime, Iran Società, Italia Iran
Tag:, , , , , , , , , ,

150107101819_workers_majlis_640x360_ilna

Siamo alla vigilia del Primo Maggio, la Giornata Internazionale dei Lavoratori. Per questo, lanciamo un appello accorato alle tre maggiori sigle sindacali italiane – CGIL, CISL e UIL – ma anche a tutte le altre sigle minori, affinché si battano per la liberazione di cinque sindacalisti arrestati in questi giorni in Iran. I cinque arrestati sono: Ebrahim Maddadi e Davood Razavi membri dell’Unione delle Compagne di Bus di Teheran e Periferia, arrestati il 29 aprile nella loro casa, Mahmoud Salehi e Osman Ismaili, attivisti sindacali arrestati presso Saqez nel Kurdistan Iraniano e Reza Amjadi, altro attivista, fermato dagli agenti in borghese presso Sanandaj, sempre nel Kurdistan iraniano.

A questi cinque sindacalisti, va aggiunto anche Alireza Hashemi, capo dell’Organizzazione degli Insegnanti, detenuto nella prigione di Evin e condannato a sette anni di carcere in questi giorni. La sua condanna, guarda caso, e’ arrivata proprio mentre le piazze iraniane si riempivano di coraggiosi insegnati che protestavano per salario migliore e per impedire che i testi di studio venissero modificati in “senso più islamico”. A questo dato inquietante aggiungiamo che, durante le proteste sindacali avvenute in Iran tra Marzo e Aprile di quest’anno, oltre 230 persone sono state arrestate dalle forze di sicurezza del regime.

Per una analisi completa del drammatico status dei diritti sindacali in Iran in questo periodo, rimandiamo al report dell’International Campaign for Human Rights in Iran. Per quello che ci interessa in questo momento, vogliamo rimarcare come la Repubblica Islamica, pur essendo tra i firmatari delle convenzioni dell’ILO (International Labor Organization), continua a reprimere ed incarcerare i sindacalisti e gli attivisti per i diritti dei lavoratori. Una situazione intollerabile, a cui e’ necessario porre un termine immediatamente. L’appello alle sigle sindacali per la liberazione dei sei attivisti menzionati, sarebbe il primo passo verso l’affermazione del diritto inalienabile dell’essere umano di protestare per ottenere una condizione di lavoro più umana e dignitosa. Un diritto sinora negato ai lavoratori iraniani.

La foto di due dei sindacalisti arrestati: Ebrahim Maddadi e Davood Razavi

Madadi-Razavi

 

Annunci
commenti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...