iran-christian-islam-1

Mentre buona parte del mondo ha celebrato serenamente il Natale e mentre Khamenei twittava in onore di Gesu’, per molti cristiani iraniani la nascita di Cristo si è tramutata in un incubo. Nel silenzio – drammaticamente colpevole – dei media interazionali, ben 12 cristiani sono stati arrestati in due diversi raid dalle forze di sicurezza del regime. Il primo arresto di massa è avvenuto proprio il 25 dicembre, presso Rudehen, nella regione di Teheran. Qui, ben nove fedeli cristiani sono stati portati via dagli agenti proprio mentre celebravano – clandestinamente – il Natale.

Gli attivisti hanno reso noti i nomi di otto dei nove dei fermati. Si tratta di: Mehdi Kian, Ali Sadraddin (noto come Fratello Stephen), Mohammad Kazemi, Azin Faroudi, Mohammad Hossein Moridian, Maryam Narimani, Alireza Nasiri e Fratello Matin. Di un fedele è finora impossibile sapere il nome. Dopo il loro arresto, i detenuti sono stati trasferiti in una località ignota e nessuna notizia è stata fornita ai famigliari. Tutti i fermati sono ex mussulmani, convertiti di recente al cristianesimo, un passaggio che il regime punisce con il reato di apostasia.

123

Il 26 dicembre, invece, le forze di sicurezza sono entrate in azione a Teheran. Qui, infatti, hanno arrestato un prete Assiro: Padre Victor. Secondo le informazioni finora rese note dagli attivisti, insieme a Padre Victor sono state fermate altre due persone. Gli agenti hanno perquisito la casa del prete, controllando anche cellulari e computer. Dopo il raid, quindi, i fermati sono stati tutti trasferiti nel carcere di Evin, noto per essere il centro di detenzione principali dei prigionieri politici. Secondo le stime dell’inviato speciale delle Nazioni Unite per i Diritti Umani in Iran, Ahmad Shaheed, nelle carceri iraniane mietono oltre 40 cristiani, tutti costretti a passare l’ennesimo Natale dietro le sbarre…

Insieme alle persecuzioni contro i cristiani, nella Repubblica Islamica anche il boia continua liberamente il suo lavoro. Mentre le Nazioni Unite approvano la Moratoria contro la Pena di Morte, nel giorno di Natale il regime iraniano ordina una esecuzione di massa presso il carcere di Shiraz: ben sette detenuti sono stati impiccati pochissime ore. Nelle ultime due settimane, solamente a Shiraz, 15 condanne a morte sono state eseguite. Anche in questo caso, con il colpevole silenzio delle diplomazie Occidentali…

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=UrDgV5_TJTA%5D

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...