139308051334361873934874

Cambio di Ambasciatore per l’Italia in Iran, ma nessun cambio di atteggiamento verso il regime iraniano. Dall’Ambasciatore Giansanti all’Ambasciatore Conciatori, resta forte la politica di appeasement verso Tehran, una politica potenzialmente rischiosa. Durante un incontro con Mehdi Karbasian, responsabile della IMIDRO (organizzazione responsabile dello sviluppo minerario nella Repubblica Islamica, l’Ambasciatore Giansanti ha affermato che l’Italia intende creare delle joint companies con l’Iran nel settore minerario (Trend). In particolare, ha affermato il rappresentante della Farnesina, gli italiani potrebbero investire in diversi progetti, tra i quali l’alluminio, l’acciaio e il ferro (Isna). Per parte sua, Mehdi Karbasian ha attaccato le sanzioni internazionali (definite “unilaterali”), affermando però che queste non hanno intaccato le relazioni economiche tra Italia e Iran (IRNA). Vogliamo precisare una cosa: nelle affermazioni dell’Ambasciatore italiano a Teheran non c’è nulla che viola le sanzioni internazionali, ma c’è molto su cui preoccuparsi e riflettere.

Perchè preoccuparsi? Semplice: il settore minerario è stato inserito nelle sanzioni internazionali perchè direttamente legato sia al programma nucleare che a quello missilistico del regime iraniano. Nel 2012, la stessa Unione Europea approvo’ dure sanzioni in questo settore, rimarcando le connessioni con le Guardie Rivoluzionarie. Teheran, nonostante i negoziati e le richieste dell’AIEA, ha fatto sapere di non avere alcuna intenzione di sospendere il programma missilistico e permettere l’accesso degli ispettori internazionali nella base di Parchin, ove la Repubblica Islamica ha già testato gli effetti di una esplosione nucleare. Una cooperazione italo-iraniana in questo senso – senza una previa collaborazione delle autorità iraniane con l’AIEA – potrebbe indirettamente favorire lo sviluppo di pericolosi e destablizzanti programmi militari sotto il totale controllo dei Pasdaran. Non è un caso, tra l’altro, che le sanzioni nel settore minerario siano rimaste interamente in vigore, nonostante la firma dell’Joint Plan of Action le Novembre del 2013 (escluso il settore dell’oro). Secondariamente, se parliamo del settore bancario, anche in questo senso ci sono motivi di forte preoccupazione. Buona parte del settore bancario iraniano è stato incluso nelle sanzioni internazionali per il suo coinvolgimento nel programma nucleare e missilistico dell’Iran e/o per il sostegno al terrorismo internazionale. E’ il caso, ad esempio, della Bank Sepah (risoluzione UNSC 1747) e della Bank Melli, quest’ultima accusata anche di inviare finanziamenti a gruppi terroristi quali Hamas, Hezbollah e la Jihad Islamica.

Perchè c’è da riflettere? Beh, come suddetto, per gli effetti che questo appeasement potrebbe causare. In poche, parole, il rafforzamento di un regime brutale come quello iraniano, corrotto ed in mano ad un guppo di fondamentalisti e pretoriani che invocano la morte dell’America e sostengono il terrorismo a livello internazionale. Durante l’incontro con Mehdi Karbasian, pare che l’Ambasciatore Conciatori ha testualmente affermato: “senza la promozione di una mutua cooperazione con l’Iran, noi non saremo capaci di raggiungere i nostri obiettivi (Tasnim News). Si pone allora il problema di che tipo di relazione l’Italia democratica e antifascita intende avere con il regime iraniano. Come abbiamo sempre scritto, siamo perfettamente consapevoli che la Repubblica Islamica rappresenta una attrazione economica per l’Italia e per buona parte dell’intera Comunità Internazionale. Nella promozione delle relazioni bilaterali con Teheran, però, è necessario essere consapevoli di chi si ha davanti. Un regime che abusa sistematicamente dei diritti umani (oltre 900 pene capitali eseguite solo nell’ultimo anno), promuove e finanzia il terrorismo internazionale e rappresenta un fattore di destabilizzazione nella regione mediorientale e asiatica. Riteniamo che l’Italia, cosi come tutto l’Occidente democratico, debbano considerare questo aspetto profondamente, prima di favorire il rafforzamento della Repubblica Islamica.

Vogliamo, infine, riportare le affermazioni fatte dal Responsabile della Camera di Commercio Iran Italia, Ahmad Porfallah, il 25 ottobre scorso. Secondo quanto riportato da Iran Daily, Pourfallah avrebbe affermato che l’Italia è il solo Paese Europeo ad aver comprato dall’Iran petrolio e prodotti petrolchimici durante il perido delle sanzioni. Si tratta di affermazioni estremamente gravi che, se confermate, vedrebbero Roma accusata di violazioni delle sanzioni internazionali. Onestamente, riteniamo e vogliamo credere che queste affermazioni siano solo la solita propaganda che arriva dai rappresentanti della Repubblica Islamica. Indubbiamente, però, la mancata reazione delle autorità italiane a questa affermazione di Porfallah e la presenza nella stessa Camera di Commercio Iran Italia di compagnie colpite dalle sanzioni internazionali o di discutibili collegamenti, lascia aperti spazio di ampia discussione critica e di analisi.

aaa

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...