Archivio per ottobre 30, 2014

mmm

Non si ferma la repressione contro gli attivisti iraniani. In particolare, le autorità stanno ora reprimendo l’Onda Rosa, ovvero il movimento di protesta in favore dei diritti delle donne. Movimento sorto dopo i drammatici attacchi con l’acido che hanno colpito decide di che hanno preso parte alle manifestazioni contro gli attacchi con l’acido alle donne. L’agenzia per i diritti umani Hrana, ha reso noto che a Teheran è stata arrestata Mahdieh Golroo, 29 anni, fermata nella capitale dagli agenti iraniani. Attivista per i diritti delle donne e per il diritto all’educazione, Mahdieh è stata già parte del comitato per Mehdi Karroubi Presidente, l’ex candidato anti Ahmadinejad, arrestato dopo le proteste del 2009 e ancora agli arresti domiciliari. Mahdieh, inoltre, è anche vice Segretario dell’Associazione studentesca Allarmeh Tabatabai e per la sua attività ha già scontato due anni e quattro mesi di reclusione.

Secondo le informazioni diffuse dall’Iran, Mahdieh Golroo è stata fermata il 26 ottobre scorso, le sono stati confiscati molti dei suoi effetti personali (tra cui computer e telefoni) ed è stata portata in una località ignota. Il suo arresto, secondo quel poco che si è riusciti a sapere, è connesso con le proteste avvenute contro il regime in questi giorni in Iran. Non si ferma, quindi, la repressione dei Mullah contro le donne iraniane.

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=qP6YGKeSoyw%5D

[youtube:https://www.youtube.com/watch?v=Hp_SVAqC53E%5D

aaaaa

Non è dato sapere, almeno per ora, se questa notizia sia confermata. Secondo quanto pubblicato dal sito AfkarNews, però, i miliziani jihadisti dell’Isis hanno annunciato di aver rapito un soldato iraniano. In particolare, si tratterebbe di un alto comandate della Forza Quds, unità speciale dei Pasdaran, stretto collaboratore del Generale Qassem Soleimani. Di Soleimani, in queste settimane, sono state pubblicate numerose fotografie scattate in Iraq, con il chiaro intento di dimostratre la presenza della Repubblica Islamica nel conflitto contro Isis. Per ora il movimento radicale sunnita non ha rilasciato il nome del Pasdaran rapito. Le notizie negative per Qassem Soleimani non finiscono qui: secondo quanto riportato dal sito iraniano Digarban, un miliziano della Forza Quds – anch’esso stretto collaboratore del Generale iraniano – è stato ucciso in Iraq. Digarban non ha però pubblicato particolari e fotografie del Pasdaran iraniano colpito a morte.

Il Generale Soleimani con i miliziani della Brigata Badr in Iraq

B09Q5OTIIAA9m5t