Manifestanti afghani contro il regime iraniano

Manifestanti afghani protestano contro il regime iraniano

L’Afghanistan, come è noto, è un Paese martoriato dalla crisi che – ormai da decenni – soffre per le conseguenze di terribili conflitti e di regimi fondamentalisti e senza pietà. Ancora oggi, nonostante la fine del Governo dei Talebani, l’Afghanistan è uno Stato instabile inseribile probabilmente all’interno di quelli che vengono definiti i “failed State”. Il territorio, infati, è tutt’altro che unito e il potere è ancora in mano ai “signori della guerra”, siano essi uomini di Karzai alleati dell’Occidente o Talebani.

Nonostante tutto il dolore e a dispetto dei tantissimi caduti, l’orgoglio del popolo afghano è ancora forte e si dimostra ogni volta che una forza esterna tenta di imporre al Paese decisioni contrarie agli interessi di Kabul. L’onore afghano, in questi ultimi giorni, si è espresso ancora una volta contro il regime iraniano, colpevole di trattare come animali i profughi afghani, di cercare di controllare l’Afghanistan attraverso una rete di spie e di corruzione e di voler obbligare il Governo regionale a rinuciare ad alcuni progetti economici importanti, al solo scopo di favorire Teheran

Ovviamente in Occidente nessuno ne ha parlato, ma pochi giorni gli abitanti della città di Herat hanno protestato vicino alla sede del consolato iraniano, accusando il regime degli Ayatollah di interferire illecitamente negli affari interni dell’Afghanistan. In particolare, i manifestanti hanno protestato contro la presenza di spie iraniane nelle Province di Herat, Farah, Badghis e Nimroz e contro la politica che Teheran sta portando avanti al fine di bloccare la costruzione di due importanti dighe in Afghanistan (la diga Salma e la diga Kamal Khan). Inoltre, questi coraggiosi manifestanti hanno anche denunciato la corruzione che governa il consolato dell’Iran ad Herat: sembra, infatti che, per condere i permessi di ingresso nella Repubblica Islamica i diplomatici iraniani si facciano pagare a peso d’oro da persone che non hanno praticamente nulla…

Immagine della Diga Kamal Khan

Immagine della Diga Kamal Khan

Immagine della Diga Salma

Immagine della Diga Salma

In queste ore, il coraggio degli Afghani, sembra drammaticamente scontrarsi con la debolezza degli Occidentali. Mentre, infatti, in Afghanistan la popolazione dice no all’interferenza del regime iraniano e al terrorismo che la Forza Quds sparge sul territorio (finanziando direttamente i Taliban), in Occidente gli Stati Uniti stanno praticamente rimanendo da soli davanti all’ipotesi di punire Bashar al-Assad per aver usato armi chimiche contro cittadini siriani inermi. Tutto questo, nonostante il fatto che nessuno in Occidente ha ormai il coraggio di negare che gli agenti chimici sono stati usati dagli uomini di Assad e che si tratta di un “crimine orrendo”. Questa consapevolezza – la chiara cognizione che Bashar ha superato ormai ogni linea rossa – non sembra però portare a decisioni coraggiose contro un regime che ha ucciso oltre centomila persone e ha costretto oltre un milione di esseri umani a lasciare le loro case.

Insomma, così come il popolo afghano, anche quello siriano sta rimanendo solo nella sua lotta contro un regime fascista, spietato e criminale. Non colpendo Bashar al Assad dopo l’uso delle armi chimiche, l’Occidente sta implicitamente avallando l’uso di ogni mezzo – anche le armi di distruzioni di massa – per colpire ogni possibile nemico. Da qui alla la bomba nucleare dell’Iran il passo, purtroppo, sarà breve…

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=jpmlodux7us%5D

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...