NELL’IRAN “RIFORMISTA” LE DONNE SONO SEMPRE PIU’ UMILIATE…

Pubblicato: luglio 1, 2013 in Iran, Iran Diritti Umani, Iran Donne, Iran elezioni, Iran Internet, Iran notizie, Iran politica, Iran Proteste, Iran Regime, Iran Società
Tag:, , , , , , , , , ,

iran donne

In Iran è cambiato il Presidente, ma non è cambiato per nulla il regime. La persecuzione continua e, se possibile, in maniera ancora più dura, tanto per far capire al popolo di non farsi troppe illusioni. Nonostante la grande partecipazione al voto delle donne, proprio il genere femminile continua a subire durissimi attacchi alla sua dignità da parte degli Ayatollah.

Immediatamente dopo la qualificazione della nazionale di calcio iraniana ai prossimi campionati mondiali in Brasile, il regime ha vietato alle donne di prendere parte alla festa organizzata, il 19 giugno scorso, per i calciatori della nazionale iraniana presso lo stadio Azadi di Teheran. La decisione del regime risulta ancora più umiliante quando si nota che “Azadi” in lingua farsi, significa proprio libertà. Peccato che, in Iran, la libertà è solo quella dei clerici e dei loro burattini. Ovviamente, però, la decisione del regime ha decisamente colpito le donne che, per reazione, si sono ritrovate fuori dallo stadio Azadi per manifestare il loro disappunto.

Nel primo video qui sotto è possibile vedere la festa per la nazionale iraniana allo Stadio Azadi. Come vedete, tra il pubblico sono presenti solo uomini…Di seguito, invece, le immagini delle proteste delle coraggiose donne iraniane fuori dallo stadio, con lo anche uomini che sognano un Iran diverso. 

[youtube:http://http://www.youtube.com/watch?v=WVTbltEFrrg&feature=player_embedded%5D

097_13_01_164474933

(“Se a mia sorella non è concesso l’accesso allo Stadio Azadi, anche io darò la schiena all’Azadi“)

097_13_02_1466554967

(“Una celebrazione nazionale senza le donne, non è nazionale“)

097_13_03_269780626

L’ennesima umiliazione al genere femminile è arrivata in questi giorni e, purtroppo, è ancora legata al mondo dello sport. Elham Asghari, nuotatrice professionista, si è vista annullare il suo record perchè, secondo le autorità sportive, avrebbe indossato un “costume troppo provocante”. La Asghari era riuscita a coprire una distanza di 20 km a nuoto nel Mar Caspio, cercando di battere il suo personale record. Per la cronaca, Elham Asghari indossava una muta che le copriva tutto il corpo e portava anche il velo. Di lei e della sua dignità di donna erano visibili solamente le mani e il viso…

Anche in questo caso, però, la repressione del regime non è passata insosservata. Elham ha ricevuto un enorme supporto dalla popolazione civile – soprattutto via Facebook – e il video che vi postiamo qui sotto è stato girato dalla nuotatrice iraniana proprio per ringraziare tutti i suoi fan (sotto foto di Elham Asghari durante la sua impresa a nuoto nel Mar Caspio).

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=p6K0JFENriw&feature=player_embedded%5D

full

in%20water

commenti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...