iran diritti umani

Il 28 febbraio scorso è stato pubblicato e diffuso il nuovo report dell’inviato speciale dell’Onu per i diritti umani in Iran, Ahmad Shaheed. Il testo affronta i maggiori problemi umanitari del regime iraniano, dalla mancanza di elezioni politiche libere e trasparenti, ai diritti delle donne sino alla questione delle minoranze etniche, religiose e sessuali. Di seguito, per punti, vi riportiamo un breve sunto del testo (qui l’intero testo in inglese).

L’inviato speciale dell’Onu ha rilevato che:

– il regime iraniano continua a violare sistematicamente i diritti umani e non ha dato accesso all’Inviato dell’Onu, nonostante le numerose pressioni;

– il regime continua a detenere illegalmente i rappresentanti dell’opposizione iraniana Mir Hossein Mousavi e Mehdi Karroubi. L’inviato Onu Shaaheed ha chiesto nel testo il loro immediato rilascio;

– in Iran è assente una autorità autonoma capace di verificare la regolarità delle elezioni politiche;-

– il regime continua a perseguire i giornalisti. Solo di recente Teheran ha incarcerato 45 giornalisti. Il blogger e freelancer Mehdi Khalazi sta scontando una condanna a 14 anni di reclusione per aver criticato il Governo. Come lui, al carcere sono stati condannati anche Alireza Roshan, Zhila Bani-Yaghoub e suo marito Bahman Ahmadi Amouee, tutti accusati di propaganda contro il regime;

– gli Ayatollah persistono nel condannare al carcere gli attivisti difensori dei diritti umani: caso eclatante è quello di Nargs Mohammadi, fondatrice del Centro per la Difesa dei Diritti Umani e collaboratrice del Premio Nobel Shirin Ebadi (quest’ultima costretta a lasciare l’Iran);

– il regime, non soddisfatto, condanna al carcere anche numerosi avvocati colpevoli di difendere gli attivisti. Si ricordano qui i casi di Abdolfatah Soltani, Mohammad Ali Dadkhah e di Nasrin Sotoudeh

– i Pasdaran continuano a fare sistematico uso della tortura contro gli oppositori e coloro che sono considerati nemici dello Stato. Il recente caso del blogger Sattar Beheshti ne è la prova più tangibile. Un altro caso è quello di Jamil Sowaidi, rapito dai miliziani, torturato ed infine ucciso. Alla famiglia, nel novembre scorso, è stato negato il diritto all’autopsia. Dei 169 casi analizzati dall’inviato Onu, in 81 casi di detenzione è stato rilevato l’uso sistematico della tortura psicologica, fisica e persino sessuale;

– solo quest’anno il regime ha compiuto 58 esecuzioni pubbliche. Nel 2012 il regime ha ucciso circa 497 prigionieri, riportando ufficialmente “solamente” 297 esecuzioni;

– persistoni in Iran forti problemi legati ai diritti di genere. La donna deve assoluta obbedienza al marito, non ha diritto facilmente al passaporto senza il consenso di un tuture e non passa la cittadinanza a suo figlio/a. L’inviato chiede al regime di lavorare per ridurre la disparità tra uomini e donne. Si chiede inoltre il rispetto delle attiviste politiche iraniane e la fine delle persecuzioni contro di loro (esemplare il caso della condanna di Maryam Behraman, leader della campagna “One Million Signatures Csampaign for Equality”);

– persistono le persecuzioni contro la minoranza Ahwazi, i Balochi, i Cristiani, di Dervisci e soprattutto i Baha’i, a cui è negato anche il diritto all’istruzione;

– esiste una forte preoccupazione per i diritti degli omossessuali, delle lesbiche e dei transgender (LGBT) in Iran. Secondo il codice penale iraniano la loro preferenza sussuale è comparata alla sodomia e spesso determina anche condanne a morte.

L’Iran ha commentato il report dell’Onu, definendo Ahmad Shaheed un servo di Israele e delle potenze occidentali ostili all’Iran. Rileviamo inoltre che l’organizzazione americana UANI – United Against the Nuclear Iran – ha invitato la compagnia italiana SELI ad interrompere immediatamente le relazioni con l’Iran. La compagnia opera nel campo dei tunnel sotterranei lavorando in contatto – secondo l’accusa – con compagnie controllate dai Pasdaran. Il regime iraniano usa i tunnel a scopi militari e, lo stesso Presidente della SELI Remo Grandoni, nel 2011 ha dichiarato di non poter escludere che i tunnel scavati con il contributo della compagnia italiana possano essere usati “per nascondere armi”.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=-weaR4uyJ98%5D

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=tUVQVvkmcdE%5D

commenti
  1. […] Purtroppo la Comunità Baha’i è da sempre perseguitata all’interno della Repubblica Islamica: considerati come infedeli, i Baha’i sono soggetti ad arresti indiscriminati e umiliazioni pubbliche: solo pochi mesi fa, lo stesso Ayatollah Kahmenei ha emesso una serie di fatwe (editti religiosi), tra cui una che ordinava al popolo iraniano di non avere contatti con i Baha’i. […]

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...