L’IRAN E’ UN REGIME TERRORISTA E NON INVENTATE CAZZATE…

Pubblicato: febbraio 1, 2013 in Iran armamenti clandestini, Iran Bomba nucleare, Iran Diplomazia, Iran militare, Iran Pasdaran, Iran Politica Estera, Iran Regime, Iran terrorismo

iran khomeinista

Molte volte ci descrivono come degli estremisti, come degli osservatori lontani dalla realtà, tesi ad esagerare le reali intenzioni del regime iraniano. Ci dicono: “ma si dai, è vero, sono esagerati questi Ayatollah, ma sono solo parole e l’Iran è un regime razionale che punta solo alla sopravvivenza!!!“. Purtroppo, molto spesso, questa è anche la visione geopolitica di numerosi politici italiani e di diversi esponenti della diplomazia di casa nostra…Le nostre risposte a queste affermazioni sono sempre le stesse e non ci stancheremo mai di ripeterle: attenti signori, la razionalità del regime iraniano non ha nulla a che vedere con la nostra razionalità e sottovalutare le caratteristiche uniche della Repubblica Islamica potrebbe avere un effetto drammatico sull’intera Comunità Internazionale.

Cosa intendiamo? E’ molto semplice: l’Iran contemporaneo è nato da una rivoluzione. Una rivoluzione vera, iniziata per mettere fine ad un regime dispotico come quello dello Shah. Questa rivoluzione, cari signori, è durata solamente un anno ed è morta con l’allontamanto di Bani-Sadr, il primo presidente iraniano (1981). Il resto della storia della Repubblica Islamica non è la storia della rivoluzione iraniana, ma la storia della velayath e-faqy (“il potere del giureconsulto”), una concezione del sistema statale inventata da Khomeini e mai approvata dal clero shiita di Najaf.

L’Iran di Khomeini – oggi di Khamenei – non vive nel realismo politico di matrice europea, perchè l’ideale europeo ne determinerebbe la morte ideologica . Una concezione della politica estera alla Metternich, per capirci, in Iran ha senso solamente per il mantenimento del potere dei clerici e degli interessi economici dei Pasdaran. Nessuno, però, potrà cancellare il fine ultimo della Repubblica Islamica: il ritorno del Mahdi, ovvero del dodicesimo Imam, eclissatosi misteriosamente nell’874 d.C.  Senza la visione messianica del Mahdi non ha senso l’Iran khomeinista e il potere degli Ayatollah. Una visione del genere, chiaramente, determina tutta una serie di conseguenze sul Medioriente (in primis la frattura insanabile con il sunnismo e Israele) e sull’intera geopolitica mondiale (la frattura ideologica insanabile con il liberalismo e la democrazia).

Se ancora siete sciettici, vi riportamo le parole pronunciate dall’Hojjat al-Eslam Ali Saidi, emissario della Guida Suprema Ali Khamenei presso i Pasdaran, durante una conferenza sul Mahdi, tenutasi in questi giorni in Iran. Ali Saidi ha affermato che, per ottenere il ritorno del Mahdi, era necessario instaurare prima un regime pronto a ricevere un Governo del Mahdi (e questo regime sarebbe la Repubblica Islamica). Dopo la nascita dell’IRI, per riportare il Mahdi, Ali Saidi sostiene che è ora necessario “preparare una agitazione nel Medioriente e oltre“.

Siria, Hamas, Hezbollah, Yemen, Bahrain, programma nucleare, programma missilistico e finanziamento del terrorismo: non vi basta per capire di cosa stiamo parlando???

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=vcLS724zM7A%5D

 

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...