IRAN: 16 ANNI DI CARCERE AI VOLONTARI CHE AIUTARONO LE VITTIME DEL TERREMOTO!!!

Pubblicato: gennaio 16, 2013 in Iran Ambiente, Iran Diritti Umani, Iran Internet, Iran Pasdaran, Iran Proteste, Iran Regime, Iran repressioni, Iran terrorismo
Tag:, , , , , ,

Il 29 ottobre 2012 vi avevamo riportato la traduzione di una lettera scritta dal blogger iraniano Hossein Ronaghi-Maleki alla Guida Suprema Ali Khamenei. Nella lettera Hossein Ronaghi denounciava l’arresto circa quaranta giovani volontari, accorsi nella provincia dell’Azerbaijan iraniano per aiutare la popolazione locale vittima di un terribile terremoto nell’estate del 2012. Le autorità, vergognosamente, attaccarono l’accampamento dei volontari motivandolo con assurde “ragioni di sicurezza nazionale“. La realtà, purtroppo, era molto diversa: il regime non poteva tollerare la presenza di attivisti non controllati dal potere centrale, specchio impietoso dell’incapacità delle autorità iraniane di aiutare le vittime del terremoto. A proposito di Hossein, inoltre, vogliamo ricordarvi che il blogger iraniano sta già servendo una condanna a quindici anni di carcere, per la sua partecipazione alle proteste contro la rielezione di Ahmadinejad nel 2009. E’ uscito dal carcere solamente pochi mesi fa, per gravissimi moviti di salute (e solo dopo fortissime pressioni internazionali).

A distanza di pochi mesi dall’arresto dei volontari iraniani, ahimè, apprendiamo della decisione della Corte Rivoluzionaria di Tabriz di condannare venti degli attivisti incarcerati a 16 anni di carcere!!! I volontari, secondo quanto si apprende, sarebbero stati condannati per aver organizzato “riunioni e assemblee al fine di commettere crimini contro la sicurezza nazionale”. Inoltre, secondo quanto riportato dai siti iraniani, per poter condannare gli attivisti, il regime ha fabbricato anche false prove ad hoc: non a caso il procuratore iraniano Malek Ajdar, ha cominciato a diffondere la notizia di una distribuzione di prodotti scaduti alle vittime del terremoto.

Nuovamente la mano della repressione si abbatte sui giovani iraniani e, guarda caso, ciò avviene a ridosso delle elezioni presidenziali. Per il regime iraniano, a quanto pare, l’unico modo per aver ragione di una critica, sembra essere quello di arrestare, picchiare, incarcerare e – spesso – impiccare ogni libera mente pensante…

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=V6ggeBI6I5A%5D

commenti
  1. […] 33 attivisti per i diritti umani. La loro colpa? Essersi recati nell’Azerbaijan iraniano per aiutare le vittime del terribile terremoto che aveva colpito la regione. Il regime, in preda al panico, ha accusato i volontari di essere al soldo dei “nemici della […]

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...